Todi Off

TODI OFF 2020

 

Alla sua quarta edizione, Todi Festival torna con Todi Off, la seguitissima rassegna di teatro contemporaneo orientata sin dalla sua nascita alla formazione di pubblico e artisti per un loro avvicinamento al teatro di ricerca. A cura di Teatro di Sacco, diretto da Roberto Biselli con il supporto organizzativo di Biancamaria Cola, Todi Off si articolerà in quattro giornate dedicate al teatro contemporaneo, con altrettanti spettacoli – di cui tre debutti nazionali e un debutto regionale – e incontri di formazione degli spettatori, che ogni mattina si ritroveranno per commentare quanto visto la sera precedente.

Gli spettacoli sono in programma tutte le sere, da giovedì 3 a domenica 6 settembre alle ore 19, presso il suggestivo Nido dell’Aquila.

Si inizia Giovedì 3 Settembre con il debutto nazionale di Parla, Clitemnestra! (ovvero: se di parole fosse fatto il mondo) Un’eterna tragedia in versi, di Lea Barletti, regia di Barletti/Waas, con Gabriele Benedetti e Simona Senzacqua. Venerdì 4 Settembre va in scena D.N.A. Dopo la Nuova Alba di Anton Giulio Calenda, con Jacopo Cinque, Alessio Esposito, Maria Lomurno, Eleonora Notaro, Laura Pannia e la regia di Alessandro Di Murro. Direttore di produzione Pino Le Pera. La rassegna prosegue Sabato 5 Settembre con Christophe o il posto dell’elemosina, spettacolo firmato da Carrozzerie n.o.t,di e con Nicola Russo,in programma presso la Terrazza esterna con vista mozzafiato sulla campagna umbra. Evento conclusivo della rassegna quello di Domenica 6 Settembre quando sul palco del Teatro Nido dell’Aquila sarà presentato Aspra, conFrancesca Frigoli, Chiara Verzola e illive electro acoustic di Shari DeLorian.

> VAI AL SITO WEB 

«In una regione come quella umbra che necessita sempre più di condividere occasioni di dibattito teatrale militante, pensiamo sia quantomai necessario puntare l’attenzione in maniera continuativa sul contemporaneo, e sull’evoluzione dei suoi linguaggi orientati alla formazione di pubblico e artisti per un avvicinamento al teatro di ricerca»

(Roberto Biselli)